<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d22443823\x26blogName\x3dViola+Melanzana\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/\x26vt\x3d6791898658958597221', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Viola Melanzana

un modo spiritoso per parlare delle mie passioni,dei miei esperimenti, dei miei pasticci..un modo spiritoso per trasmettere quello che so, quello che osservo, quello che continuo ad imparare ogni giorno.
 

Le zeppole di San Giuseppe

zeppole di San Giuseppe
Tutto è nato perchè avevo dei limoni da smaltire...e mi direte ma cosa c'entrano i limoni? Alla fine, infatti, proprio un bel niente! Avevo originariamente voglia e necessità di "consumare" un bel po' di limoni che mi erano stati portati dalla divina costiera amalfitana. Di questi un bel po' ne avevo regalati, un altro bel po' destinati al limoncello, e il resto stava lì a farsi contemplare. Purtroppo a me piacciono i dolci "di sostanza", quelli da mordere per intenderci, non preferisco, infatti, i cucchiai quando mi avvicino ai dolci, questo forse perchè il mio gusto solitamente va più verso il salato, o semplicemente perchè sono abbastanza ruspante, fate voi, e quindi, nonostante avessi in questa occasione "bisogno" di zucchero la via che mi ha condotto alle belle zeppolelle era breve! Queste zeppole in Campania vengono preparate per la festa di San Giuseppe. Le sue origine sono antichissime, risalgono forse al 500 a.C. quando a Roma si celebravano le Liberalia, le feste delle divinità dispensatrici del vino e del grano, nel giorno del 17 marzo. In onore a Sileno, compagno di bagordi e "precettore" di Bacco, si bevevano fiumi di rosso nettare e si friggevano profumate frittelle di frumento. Oggi, quasi nello stesso giorno, il 19 marzo, e in occasione di S. Giuseppe si ripete la cerimonia delle frittelle. La pasta per le zeppole di S. Giuseppe si prepara in maniera simile a quella degli choux, detti anche bignè. La differenza è nella minore quantità di burro e nella cottura: le zeppole vanno infatti fritte, mentre i bignè si cuociono in forno. C'è anche da dire che parecchie pasticcerie, onde evitare i già grossi ed irreparabili attentati alle diete, le propongono anche nella maniera 'infornata', ma naturalmente non è la stessa cosa. Io queste meraviglie le ho sempre acquistate in pasticceria, e a mozzarellandia ce n'è una in particolare che le fa una meraviglia, ma stavolta ho ben pensato che fosse arrivata l'ora di provare questa avventura, meditando inizialmente di renderle diverse con la crema al limone. Mi sono quindi messa all'opera per cercare la ricetta che più mi ispirasse, ho consultato libri di ricette napoletane, di ricette della Campania e blog di fiducia come quello del bravo Gennarino. Alla fine ho rimediato su un vecchio libro di ricette napoletane che non mi ha mai tradito per le proporzioni per la pizza e, infatti non mi ha tradito nemmeno stavolta. Vedendo poi che le zeppole venivano e venivano pure bene (mi sono sentita tanto una mamma felice per i primi passi del proprio pargoletto) ho deciso di riempirle con la crema pasticcera, quella che tradizionalmente si usa per queste zeppole, e di completare l'opera con le classiche amarene. Risultato finale? Il bignè non essendo dolce si sarebbe espresso meglio, probabilmente, con una crema più dolce, anche se il connubio scelto era quello giusto, ma vista la buona riuscita le rifarò assolutamente, magari le proverò con una più delicata crema chantilly, o azzarderò con una gustosissima crema al limone rispettando, la prossima volta, un po' di più il mio istinto!!!

PS: invito tutti a leggere l'interessantissimo post che Jajo ha pubblicato su "San Giuseppe frittellaro", non ci eravamo messi d'accordo, giuro...ma a volte le coincidenze della blogosfera... Bravo Jajo!!!

Ingredienti

Per le zeppole
1/2 litro di acqua
400 gr di farina
6 uova
75 gr di burro
un pizzico di sale

Per la crema
3 tuorli d'uovo
3 cucchiai colmi di zucchero
3 cucchiai rasi di fecola
1/2 litro di latte
amarene sotto spirito

zeppole pastaappena frittecon crema bianca 1zeppole di San Giuseppe 1

Mettere in una pentola l'acqua con il burro e il pizzico di sale, al momento del bollore versarvi la farina setacciata tutta insieme e mescolare energicamente per 10 minuti. Riporre la pasta in un altro recipiente e lasciarla raffreddare. Una volta fredda incorporarvi le uova una alla volta e lavorare con la frusta utilizzando le palette a spirale finchè si sarà amalgamato tutto il composto. Preparare una bella siringona con l'imboccatura a stella e oliare i muscoli perchè qui ci vuole una faticaccia non indifferente, l'impasto infatti è molto più compatto di quello dei bignè. Preparare la carta da forno sulla quale poggiare le zeppole. A questo punto ho seguito i consigli di gennarino che indicava saggiamente di tagliare in quadrati la carta con sopra la zeppola in modo poi di facilitare la frittura. Per la frittura invece occorrono due padelle, una ad olio non troppo caldo e l'altra ad olio bollente; le immergerete quindi dapprima nella padella meno calda con la loro carta. Quando questa si scollerà da sola girare le zeppole e rigirarle per un minuto. In questa prima padella devono gonfiarsi. Poi passarle nell'altra con l'olio bollente e farle dorare. Fate sgocciolare le zeppole su una carta assorbente, poggiatele su un piatto e guarnitele con la crema e con le amarene.

Etichette:

« Home | Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »

At 1:52 PM, Blogger Giovanna said...

E' gia ora di zeppole?!?? Devo mandare avanti il mio calendario mentale........ ma qui sta facendo freddo ora che sarebbe il momento di un po' di primavera    



At 2:17 PM, Blogger JAJO said...

Violacea non mi vedi ma sono inginocchiato a chiedere la tua mano :-D

Ho appena pubblicato (nell'"altro" mio blog un post su San Giuseppe e i suoi dolci). E lunedì mi scatenerò con "i miei primi bignè fritti" :-D

Ti appoggio in pieno sui dolci da "mordere" :-D

Bravissima    



At 2:43 PM, Blogger violacea said...

Giovanna: ebbene sì, il 19 marzo si avvicina e pare si sta avvicinando anche il freddo polare!!! bene, vuol dire che di zeppole ce ne toccano di più!

Jajo: i tuoi complimenti mi riempiono di orgoglio, grazie mille. adesso aspetto di vedere i tuoi bignè, frattanto ho messo un link al tuo meraviglioso post di San Giuseppe frittellaro, deliziosamente interessante. Grazie e un bacione    



At 3:45 PM, Anonymous Anonimo said...

che buone le zeppole fritte! Anch'io mi diverto spesso a farle le faccio però in versione mignon. Valeria    



At 4:07 PM, Blogger violacea said...

Ciao Valeria! Sai di che mi è venuta voglia leggendo il tuo commento? Di un bel raduno tra estimatori di zeppole e frittelle, sarebbe meraviglioso per gli occhi e per la pancia! Che dici, ci pensiamo?
baci    



At 4:34 PM, Anonymous Anonimo said...

magari!!! Valeria    



At 12:48 AM, Blogger JAJO said...

Valeria, ma di zeppole mignon se ne mangiano il doppio :-D

Bella l'idea del raduno dei zeppolari... lo facciamo al Centra Nazionale per la Lotta al Diabete ?!? hehehehehehe
Dopo il meme dei muffin...... ZEPPOLE !!!!

Violacea, grazie dei tuoi di complimenti :-D (e aspetto sempre un si per fissare la data in chiesa :-D)    



At 1:13 PM, Blogger Vaniglia said...

Ma ciao Violacea! ma tu e Vale di The bridesmaid vi siete messe d'accordo per farmi sentire troppo indietro al solo pensiero di non aver mai conosciuto queste meraviglie delle Zeppole??!Devo colmare la lacuna al più presto!! Bellissime..brava brava donnina! Tanti Bisous    



At 4:55 PM, Blogger violacea said...

Jajo: i complimenti sono sentiti e non devi ringraziarmi, il tuo post mi è piaciuto molto...per il sì...sto meditando!!!:D

Vaniglia: ciao, che bella la tua visita! ma come non conoscevi il fantastico mondo delle zeppole??? allora urge un raduno olioso quanto prima!In che senso damigella d'onore? hai già trovato la damigella per il nostro matrimonio? jajo hai sentito???
:P!    



At 8:39 PM, Blogger Vaniglia said...

Sul raduno olioso ci farei un pensierino..AL CENTRO NAZIONALE PER LA LOTTA AL DIABETE ci starebbe ancora meglio! E pure tu Vio, The bridesmaid è un blog dove ieri ho intravisto per la prima volta, appunto, il fantastico mondo delle zeppole!!..eh..allora se già voli-convoli di fantasia così mi toccherà d'organizzarlo veramente sto matrimonio...s'ha da fà!! RENZO, ma quando dovevo fissarla la data in chiesa?? LUCIA, come la vuoi la torta?! Tutto alternativo sul Violaceo..un-zacco-strrrrano di Verdoniana memoria?!! Fateme sapè eh!
Va.. intanto basìn e lllove, lllove, llove    



At 2:12 PM, Blogger Orchidea said...

Oh mamma mia!!! Foto stupenda... sono bellissime, e chissà che buone!
Ciao.    



At 5:19 PM, Anonymous massimiliano said...

spettacolari!!!!!!!!!!!!!!!!!!11    



At 5:28 PM, Anonymous massimiliano said...

ti lascio mio indirizzo , se puoi mandami le tue novità di volta in volta.
Grazie.
casacatullo@cheapnet.it    



At 9:43 AM, Blogger JAJO said...

Mamma mia: Violacea che "ci sta pensando"... poi la coincidenza di "bridesmaid"..... mi sa proprio che devo prendere appuntamento dal sarto :-D

Per il rinfresco proporrei una cosa più amichevole e simpatica: ogni amico bloggista invitato porterà una sua creazione :-D

Ragazzi: oggi provo a fare i bignè fritti... se verranno "umani" posterò le foto :-D Tifate per me :-)    



At 12:17 PM, Blogger Lalla said...

io le adoro ma oggi sono stremata dall influenza e nn ho voglia di mettermi in cucinaaaaaaaa....evento raro!!!
me ne mandi una???
baci baci lalla    



At 1:07 PM, Blogger °Alice e il vino said...

Adele, ti giuro che le "zeppole" non le conoscevo proprio...chissà se quando riuscirò a venire a trovarti, me le farai assaggiare..?
;-)
un bacio °_bEtTI    



At 4:35 PM, Anonymous Anonimo said...

innanzitutto ti faccio i miei complimenti per il blog e per le ricette ( da palermitana doc ho molto apprezzato quella delle arancine....e mi sono beata del fatto che finalmente sono stata chiamate con il loro vero nome e non ARANCINI!!!
Per il resto, concordo anche con i vari post riguardanti Il Papavero di Eboli; è veramente un posto delizioso.Già che siamo in tema ristoranti...ne sai niente dell'osteria Terra Santa a Nocera Superiore?E' in tutte le guida...
Grazie e ancora complimenti
Claudia



Grazie ed ancora complimenti    



At 10:32 AM, Blogger Tulip said...

oh mamma!! Ti sono venute bellissime!!!
Ho un calo di zuccheri, me ne passi una?    



At 4:31 PM, Blogger val said...

Violacea, questa foto fa venire l'acquolina in bocca in modo indecente...e non è bello visto che DOVREI concentrarmi sul lavoro e sui preparativi per il Vinitaly!!
Complimenti come sempre!    



At 12:35 PM, Blogger il maiale ubriaco said...

A noi è venuta fuori una ricetta con "crema umorale" ...da farsi a seconda dei ricordi di infanzia....baci. Ste-    



At 4:48 PM, Blogger violacea said...

Ragazzi, vi ringrazio tutti, è da più di una settimana che non scrivo e nè rispondo ai commenti, e nonostante qualche mia assenza dal blog, così non avevo mai fatto..Purtroppo questa è stata per me una settimana molto triste e dolorosa e per qualche altro giorno ancora penso che mi assenterò dal blog. Volevo però ringraziare tutti per i commenti, queste zeppole vedo che hanno avuto il loro discreto successo,spero infatti che qualcuno di voi le prepari così da farmi ancora più contenta. Tra i commenti Claudia mi aveva chiesto se conosco Terra Santa a Nocera Superiore. Sì, conosco il ristorante e confermo il giudizio delle guide, se ti capita vai a mangiare lì, è davvero notevole!
Mi mancate e spero ritornerò presto a regalarvi qualche altra "zeppola".
Baci...    



At 5:18 AM, Blogger LaCuocaRossa said...

mamma mia sembra di poterne rpendere una dal vassoio!    



At 9:52 AM, Blogger JAJO said...

Ciao, mi dispiace per la settimana triste.
Non ti preoccupare, prenditi i tuoi tempi: noi siamo qui ad aspettarti. Un abbraccione, Jacopo.    



At 4:08 PM, Anonymous Anonimo said...

ciao....mi dispiace per il brutto momento che stai passando.Ti regalo un sorriso e spero passi presto.Claudia    



At 9:46 PM, Blogger angie said...

ciao! torna presto, allegra come sempre. Ho bisogno di chiederti qualcosa (lo so lo so non ci conosciamo, ma devo chiedertela uguale...cercavo un indirizzo di post a ma nel blog non c'é.)
Intanto, nice one per questa ricetta, e una curiositá: nel mio elenco di libri abbiamo lo stesso titolo di Javier Marías :-)    



At 11:05 AM, Blogger violacea said...

Ciao Angie, il mio indirizzo di posta dovrebbe essere nel mio profilo, comunque è questo: adelech@tin.it oppure adelech@libero.it...
Grazie per il vostro affetto...
un bacio    



At 12:44 PM, Anonymous Anonimo said...

Volevo augurarti buona pasqua! Valeria    



At 2:05 PM, Blogger violacea said...

grazie Valeria, auguro a te una Pasqua serena e piena di gioia..
a presto    



At 6:06 PM, Anonymous Anonimo said...

grazie la mia mamma ha ritenuto veramente valida la tua ricetta delle zeppole di san Giuseppe    



At 6:10 PM, Anonymous Anonimo said...

complimeni .... mamma ha cucinato le zeppole sono buonissime..da bEpPo 94.    



» Posta un commento
 
   





© 2006 Viola Melanzana | Blogger Templates by Gecko & Fly.
No part of the content or the blog may be reproduced without prior written permission.
Learn how to Make Money Online at GeckoandFly