<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d22443823\x26blogName\x3dViola+Melanzana\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/\x26vt\x3d6791898658958597221', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Viola Melanzana

un modo spiritoso per parlare delle mie passioni,dei miei esperimenti, dei miei pasticci..un modo spiritoso per trasmettere quello che so, quello che osservo, quello che continuo ad imparare ogni giorno.
 

Violamelanzana food's traveller! Tortino di riso con funghi

riso e funghi pinot
Al secondo appuntamento con i pinot noir e gli enolabolaboratori organizzati dall'enoteca divinoinvigna in collaborazione con ais Napoli , Violamelanzana era fisicamente assente, ma non il suo cibo da asporto! Mi da grande soddisfazione aver potuto dare un piccolo contributo gustoso anche a questo secondo viaggio in Borgogna, in fondo, anche se solo con un po' di riso, funghi e patate (e un caciocavallo di bufala direttamente da mozzarellandia) si può dire che c'ero anche io.
Anche stavolta per accompagnare la degustazione di pinot noir l'ingrediente predominante era il fungo. Nella foto qui sopra si può notare che nel piatto oltre al caciocavallo di latte bufalino semistagionato, la patata ai funghi (riproposta per la seconda volta) c'è una fetta di riso ripiena...il tortino di riso, appunto.
Ora, detto questo, devo fare una premessa: avete presente la frittata di maccheroni? quella bella bella che accompagna le mitiche scampagnate e tanto bene ci sta sotto l'ombrellone a ferragosto? beh questo tortino non fa uso di uova, ma nonostante la sua base di lavorazione risottata il suo procedimento di cottura ultimo ricorda una frittata. Insomma per girare e rigirare il tortino per fare in modo che cuocesse da tutte e due le parti e non si spappolasse troppo ho dovuto faticare non poco. Non sola, in questa avventura timballesca, mi sono fatta un sacco di risate, ma vi assicuro che se non usate una padella con coperchio annesso della stessa misura per rigirar la pseudo frittata, le lacrime potrebbero sostituire le risate. Occhio quindi alle misure delle pentole, per il resto una bazzecola.

PS: la ricetta è d'ispirazione sale&pepe, ma completamente differente per scelta e uso d'ingredienti, l'originale infatti prevedeva asparagi con aggiunta di pecorino...

PS2: la foto è stata presa dal blog dell'Ais Napoli.

Ingredienti per 12 persone

500 gr di riso per risotti
mezza cipolla
abbondante brodo vegetale
600 gr di funghi misti
un bicchiere di vino bianco secco
burro
grana grattugiato
olio extra vergine di oliva
uno spicchio d'aglio
sale & pepe

Fate stufare in una casseruola la cipolla tritata con un po' di olio, unite il riso e fatelo tostare per qualche minuto, aggiungete il vino e lasciate evaporare mescolando in continuazione. Cuocete il risotto aggiungendo il brodo bollente poco alla volta, continuando a mescolare. Infine mantecate il risotto con il grana e un poco di burro e lasciate raffreddare.
Pulite e lavate i funghi. Tagliateli e fateli stufare in una padella con l'olio e l'aglio che poi eliminerete. Continuate la cottura e alla fine salare e pepare (se volete, aggiungete anche del prezzemolo finemente tritato). Sciogliete del burro in una padella antiaderente e versate metà del risotto distribuendolo in uno strato uniforme. Disponete sulla superficie i funghi, spolverate con del formaggio grattugiato e ricoprite con il resto del risotto, in uno strato compatto. Cuocete il tortino muovendo la padella in modo che non si attacchi e giratelo per cuocerlo da tutti e due i lati. (il mio errore è stato di aver usato l'olio al posto del burro come fondo di cottura per il tortino,questo quindi si è semi attaccato al fondo della padella e ahiahai son state lacrime, ho dovuto rigirarlo parecchie volte viste le proporzioni, ma se riducete le quantità di ingredienti e ricordate di ungere con il burro tutto sarà più semplice!). Per fare più scena nel piatto tagliatelo a spicchi e servitelo guarnito di funghi.

Etichette: ,

« Home | Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »

At 8:30 PM, Blogger Lilith said...

Haimè, io sono allergica ai funghi.......questo tortino però mi sembra delizioso, con cosa posso cambiare?    



At 12:15 AM, Blogger Ciboulette said...

Adele,
senza uova a fare da colla ci credo che hai faticato a non far spatafasciare il tortino!!!

Però cosi è sicuramente più buono, il sapore dell'uovo a volte è troppo ingombrante....

Una bellissima idea pe una cena in piedi, prendo e metto da parte :)
Un bacio!    



At 1:18 AM, Blogger violacea said...

Ciao Lilith la ricetta originale prevedeva gli asparagi e il pecorino. Se vuoi puoi anche aggiungere lo zafferano a fine cottura del risotto. Gli asparagi li pulisci e li lessi in acqua bollente salata per 4-5 minuti li scoli e ne tieni da parte un pochetto per decorazione. Al posto dei funghi quindi metti gli asparagi tritati e il pecorino tagliato a lamelle e procedi come ho riportato per i funghi. Io l'ho riadattata così perchè avevo necessità di utilizzare i funghi. Fammi sapere.

Ciboulette: eh si è stata un po' un'impresa, però ai commensali è piaciuta, io non l'ho provata, ho solo sgranocchiato il riso attaccato alla padella e mi sembrava buono!!! un bacione    



At 2:58 PM, Blogger JAJO said...

Adele, a me questo tortino proprio non è piaciuto !!
.
.
.
.
.
hahahahaha scherzo dai (sfotto un po' quelli che sui blog si fanno sempre complimentoni :-D)
Meriti tutti i complimenti per il tortino, le patate fungate ma, soprattutto, per i passi da gigante che stai facendo nel campoo enologico.
Aspetto qualche tua riflessione personale sui vini assaggiati...
Ciaooooo
Jacopo    



At 6:24 PM, Blogger violacea said...

Ciao Jajo! in effetti è vero, a volte si fanno troppi complimenti, però a me è capitato che qualcuno abbia fatto delle critiche non proprio positive sui piatti proposti e penso che sia anche giusto. Per il vino, sono contenta che mi chiedi questo, ma sono un po' titubante a scrivere di vino in modo, diciamo,più preciso di quanto io faccia, un po' perchè non mi piace il "sacrovinese"e un po' perchè penso che ci siano persone più brave e più portate di me per farlo, anche se sto maturando sempre di più un mio gusto e delle consapevolezze maggiori sull'amatissimo vino. Onestamente penso che un'altra che stia ad elencare profumi e sensazioni varie ve la posso risparmiare..Detto questo attraverso i "rimandi vinosi" che faccio,le degustazioni a cui partecipo,i consigli che ogni tanto posso darvi e sì qualche piccolo appuntino dissacrante, un'idea la do già su cosa penso a riguardo...poi si vedrà...mai dire mai!
un bacione    



At 9:15 AM, Anonymous Mauro Erro said...

ed io che ero lì ad aspettare che “melanzana alticcia” cadesse nella tentazione del sacrovinese...........    



At 12:02 PM, Blogger violacea said...

...aspetta e spera...che poi s'avvera...    



» Posta un commento
 
   





© 2006 Viola Melanzana | Blogger Templates by Gecko & Fly.
No part of the content or the blog may be reproduced without prior written permission.
Learn how to Make Money Online at GeckoandFly