<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d22443823\x26blogName\x3dViola+Melanzana\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/\x26vt\x3d6791898658958597221', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Viola Melanzana

un modo spiritoso per parlare delle mie passioni,dei miei esperimenti, dei miei pasticci..un modo spiritoso per trasmettere quello che so, quello che osservo, quello che continuo ad imparare ogni giorno.
 

Quel che resta...

bruciato
Ecco quello che resta delle more che circondavano il giardino di casa, le stesse more che quest'anno sembravano più grandi del solito forse per farci l'ultimo regalo, le stesse more che hanno fatto da padrone nelle ultime dolci colazioni per i miei ospiti amici. Le more ricresceranno, il cipresso più a lato forse no, gli ulivi giù in fondo alla collina serviranno da censimento per i prossimi finanziamenti, il bosco rinfoltirà di nuovo, ma la paura, il timore di non poter dormire sonni tranquilli perchè la gente è cattiva, perchè le amministrazioni locali sono marce, perchè il mondo è marcio quella no, non brucia facilmente.
quel che resta
Scempi alla natura, metodi di appiccamento atroci (si utilizzano cani e gatti ai quali viene attaccato materiale incendiabile alla coda), ulivi, viti centenarie che bruciano, e sopratutto gente che muore. No, non se ne può più, quest'agosto è stato un inferno nel vero senso della parola. Adesso invoco la pioggia, quella che ha fatto abbassare le temperature al nord, sì una sana e abbondante pioggia che plachi un po' la sete di queste colline arse dal sole e dalle fiamme.
In questi giorni di allarme, con il rumore incessante di elicotteri e canadair, tra cenere e fumo, ho raccolto limoni, dei pochi alberi sopravissuti alle fiamme e mi sono preparata una limonata, per ritornare almeno con il gusto ai ricordi di bambina quando la spensieratezza, l'incoscienza e la gioia di vivere riempivano le mie giornate.
La limonata delle suore, quella che ci offrivano quando andavamo a trovarle oltre i mille baci e sorrisi dolcissimi. In queste giornate di arsura è stata uno dei pochi toccasana antistress che potessi concedermi!
Limonata di Suor Placida
(tratta dal libro: le ricette delle monache, centro culturale studi storici il saggio)
Scegliere dei limoni grandi e succosi, ricavare un litro di succo, aggiungere due litri di acqua e 450 grammi di zucchero. Lasciare insaporire per un po' e poi bere fredda.
« Home | Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »
| Next »

At 9:10 PM, Anonymous roberto said...

ho il cuore grigio, colmo di tristezza.
non riesco a trovare parole per confortarti un po': sono (quasi) sicuro che le more cresceranno nuovamente e con loro giungerà nuova linfa per te e per la tua terra.
un abbraccio.    



At 10:06 PM, Blogger Gli Scribacchini said...

Solo un abbraccio, grande.
Patt    



At 11:34 PM, Blogger cannella said...

Tristissima follia che devasta mezza Europa. Bisogna cambiare perfino i libri di storia, i veri barbari vivono nel XXI secolo. Un abbraccio    



At 12:12 PM, Blogger il maiale ubriaco said...

Già, elicotteri e canadair per tutta l'estate. Sembrava di stare in guerra. Cacchio mi dispiace molto Adele. Noi che amiamo questa terra e che celebriamo ogni giorno... alle volte penso che non ci sia nulla da fare. Allora preparo anche io una bella limonata e sprofondo nei sogni di bambino. Ste-    



At 11:34 PM, Blogger Gourmet said...

Una vera barbarie... e non ci sono parole per questi barbari distruttori...viene voglia di far fare a loro la fine dei boschi,degli animali e di tutta la natura..
un abbraccio    



At 12:21 AM, Blogger violacea said...

Grazie ragazzi...    



At 4:57 AM, Blogger Lory said...

Io appenderei qualcosa a loro,magari al collo!
Che brutta cosa Viola,un abbraccione!
Lory    



At 11:21 PM, Blogger JAJO said...

Ciao Adele, purtroppo si... ricresceranno le more ma... avranno lo stesso sapore di prima o saranno un po' più amare ? :-/
Purtroppo le leggi ed i modi per fermare lo scempio che ogni anno si ripete sistematicamente esisterebbero, ma........... :-(    



At 4:56 PM, Anonymous Anonimo said...

ciao Lucia mi ha parlato del tuo blog ...quante cose buone contiene!
www.toninodegennaro.blogspot.com    



» Posta un commento
 
   





© 2006 Viola Melanzana | Blogger Templates by Gecko & Fly.
No part of the content or the blog may be reproduced without prior written permission.
Learn how to Make Money Online at GeckoandFly