<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d22443823\x26blogName\x3dViola+Melanzana\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://violamelanzana.blogspot.com/\x26vt\x3d6791898658958597221', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Viola Melanzana

un modo spiritoso per parlare delle mie passioni,dei miei esperimenti, dei miei pasticci..un modo spiritoso per trasmettere quello che so, quello che osservo, quello che continuo ad imparare ogni giorno.
 

Violamelanzana food's traveller! Tortino di riso con funghi

mercoledì, aprile 30, 2008

riso e funghi pinot
Al secondo appuntamento con i pinot noir e gli enolabolaboratori organizzati dall'enoteca divinoinvigna in collaborazione con ais Napoli , Violamelanzana era fisicamente assente, ma non il suo cibo da asporto! Mi da grande soddisfazione aver potuto dare un piccolo contributo gustoso anche a questo secondo viaggio in Borgogna, in fondo, anche se solo con un po' di riso, funghi e patate (e un caciocavallo di bufala direttamente da mozzarellandia) si può dire che c'ero anche io.
Anche stavolta per accompagnare la degustazione di pinot noir l'ingrediente predominante era il fungo. Nella foto qui sopra si può notare che nel piatto oltre al caciocavallo di latte bufalino semistagionato, la patata ai funghi (riproposta per la seconda volta) c'è una fetta di riso ripiena...il tortino di riso, appunto.
Ora, detto questo, devo fare una premessa: avete presente la frittata di maccheroni? quella bella bella che accompagna le mitiche scampagnate e tanto bene ci sta sotto l'ombrellone a ferragosto? beh questo tortino non fa uso di uova, ma nonostante la sua base di lavorazione risottata il suo procedimento di cottura ultimo ricorda una frittata. Insomma per girare e rigirare il tortino per fare in modo che cuocesse da tutte e due le parti e non si spappolasse troppo ho dovuto faticare non poco. Non sola, in questa avventura timballesca, mi sono fatta un sacco di risate, ma vi assicuro che se non usate una padella con coperchio annesso della stessa misura per rigirar la pseudo frittata, le lacrime potrebbero sostituire le risate. Occhio quindi alle misure delle pentole, per il resto una bazzecola.

PS: la ricetta è d'ispirazione sale&pepe, ma completamente differente per scelta e uso d'ingredienti, l'originale infatti prevedeva asparagi con aggiunta di pecorino...

PS2: la foto è stata presa dal blog dell'Ais Napoli.

Ingredienti per 12 persone

500 gr di riso per risotti
mezza cipolla
abbondante brodo vegetale
600 gr di funghi misti
un bicchiere di vino bianco secco
burro
grana grattugiato
olio extra vergine di oliva
uno spicchio d'aglio
sale & pepe

Fate stufare in una casseruola la cipolla tritata con un po' di olio, unite il riso e fatelo tostare per qualche minuto, aggiungete il vino e lasciate evaporare mescolando in continuazione. Cuocete il risotto aggiungendo il brodo bollente poco alla volta, continuando a mescolare. Infine mantecate il risotto con il grana e un poco di burro e lasciate raffreddare.
Pulite e lavate i funghi. Tagliateli e fateli stufare in una padella con l'olio e l'aglio che poi eliminerete. Continuate la cottura e alla fine salare e pepare (se volete, aggiungete anche del prezzemolo finemente tritato). Sciogliete del burro in una padella antiaderente e versate metà del risotto distribuendolo in uno strato uniforme. Disponete sulla superficie i funghi, spolverate con del formaggio grattugiato e ricoprite con il resto del risotto, in uno strato compatto. Cuocete il tortino muovendo la padella in modo che non si attacchi e giratelo per cuocerlo da tutti e due i lati. (il mio errore è stato di aver usato l'olio al posto del burro come fondo di cottura per il tortino,questo quindi si è semi attaccato al fondo della padella e ahiahai son state lacrime, ho dovuto rigirarlo parecchie volte viste le proporzioni, ma se riducete le quantità di ingredienti e ricordate di ungere con il burro tutto sarà più semplice!). Per fare più scena nel piatto tagliatelo a spicchi e servitelo guarnito di funghi.

Etichette: ,

Intermezzo domenicale: storie di straordinaria amministrazione...

domenica, aprile 27, 2008

Al Ristorante:

"Gradisce dell'acqua naturale o gasata?"

"Non bevo acqua, portami una cocacola e del vino della casa"

" Mi dispiace, non abbiamo vino "della casa", abbiamo solo vino imbottigliato"

"Va bene. Portami un vino bianco, BUONO però eh, che io ci devo mettere la coca cola!"

"Non ho capito, mi scusi, nel vino deve mettere la coca cola?"

"Certo, e dove altrimenti?!!?"...

Dopo un po':
"Livia a papà (due anni), vuoi assaggiare un po' di vino e coca cola"..."Ma come devo fare questa bambina non dorme mai!"

....Buona domenica a todos!

Etichette:

- 2 ...o ....2-

venerdì, aprile 25, 2008


"Un buon vino lo si può apprezzare con dell’ottima carne, con dei formaggi stagionati, dinanzi ad un camino in assorta meditazione. Ma niente è più suggestivo che farlo ascoltando dell’ottima musica. -2 offre la possibilità di coniugare due piaceri così differenti, ma allo stesso tempo così affini, come il jazz e il vino. E allora, non si può fare a meno di inebriarsi doppiamente…"

Girovagando per la rete mi imbatto in questo comunicato stampa e leggendo leggendo mi dico: uhm ma queste parole mi suonano familiari! Mi spremo un po' le meningi e comincio a cercare sul mio blog (dico e sottolineo sul mio blog!). Finalmente colmo la mia curiosità e ritrovo in questo post pubblicato la bellezza del 18 ottobre 2006 le succitate parole.
Dico, ma sapete che anche copiare è un'arte?
Non so chi siano gli autori di tale scopiazzamento che con altri termini non saprei definire vista la ridicolaggine che una tal cosa suscita (voglio dire è di violamelanzana che si sta parlando mica di Indro Montanelli) ma visto che nemmeno ad una mia tranquilla segnalazione è stata data risposta la cosa mi ha un po' fatto pensare.
La cotal frase è forse piaciuta tanto al punto da usarla come pubblicità per l'incontro jazzistico del -2 che non so manco cosa sia e la cosa potrebbe pure lusingarmi, ma che ci vuole a scrivere un incipit per un comunicato stampa così semplice?
E magari i signori sono anche stati pagati per scrivere ops copiare questa bella frase.
Beh, ripeto, che anche copiare è un'arte, e qui sta la differenza tra uno furbo e uno meno, ma se scrivete di vostra sponte non è forse meglio?Grazie comunque per aver ignorato la mia pacifica segnalazione, il gesto sottolinea la professionalità degli autori!

Torta di carciofi

giovedì, aprile 24, 2008

torta di carciofi
Ultimamente lo so, non sto scrivendo molto, ma non sto nemmeno cucinando molto...sto bevendo di più è vero, mangiando uguale, forse di più ( a me l'estate mette un certo spirito di contraddizione: più si avvicina la prova costume e più penso ai maglioni...uhm..)insomma dicevo la fame e la golosità non diminuiscono al diminuir del tempo speso in cucina ( a parte che il mio più recente attacco ai fornelli con dei flan, che manco dei tortinipseudomuffins ricordavano, non potrebbe essere ospitato nemmeno sul blog delle peggiori ricette del mondo, manco le micie l'hanno voluti!!!)..dicevo vista la fame mangio dunque, e recentemente ho mangiato questa torta di carciofi. Vi capita mai di dare uno sguardo al cartoncino nascosto nel rotolo di pasta sfoglia o pasta brisée surgelato? io lo faccio spesso, anzi spesso li conservo nel cassetto delle posate e lì stanno a stagionare..ma ultimamente ho voluto fare quest'esperimento: prendo spunto dagli ingredienti del cartoncino, li riadatto al caso (della serie elimino qualcosa), ci faccio io la pasta brisée e voilà. Risultato: questa simpatica torta ai carciofi, non male per un picnic (se smettesse di piovere) o un aperitivo al clair de lune...

Ingredienti (per 4 persone)
4 carciofi
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di prezzemolo
200 gr di ricotta fresca
2 uova
4 cucchiai di grana grattugiato
un mazzettino di mentuccia
olio extra vergine di oliva
sale&pepe

Per la pasta vedere qui

Scaldate in due cucchiai di olio l'aglio e il prezzemolo e aggiungere i carciofi puliti, privati delle spine e delle barbe interne e tagliati a fettine. Cuocete per una decina di minuti a fuoco moderato aggiungendo qualche cucchiaio di acqua; quando necessario salate, pepate e levate dal fuoco. Trasferite in una ciotola, aggiungete la ricotta, il formaggio grattugiato, le uova, la mentuccia tritata, sale e pepe e mescolate. Con la pasta, che avete precedentemente fatto, foderate una tortiera imburrata o con carta da forno e unite il composto di verdure. Non ricoprite la superficie e infornate a 200° per circa 25 minuti (attenti al forno, alcuni troppo potenti come il mio prevedono un 180°) e servite tiepida o fredda.

Etichette: ,

Intermezzo domenicale: storie di ordinaria amministrazione!

domenica, aprile 13, 2008



Cena in trasferta per 150 persone.

La responsabile della società che ci ha commissionato la cena a un certo punto mi fa:

"abbiamo un problema!"

"Che tipo di problema?"

"Una signora è allergica al pepe. Non può nemmeno sentirne l'odore, dice che muore!"

"nessun problema. Mi dica chi è la signora e a quale tavolo è seduta, le porteremo piatti senza pepe."

"Non posso"

"Perchè mai?"

"Ehm, la signora...(sussurrandomi all'orecchio che a stento sentivo)dice... che non vuole si sappia in giro...!"

Buona domenica a tutti!

Etichette:

un libro per te...

venerdì, aprile 11, 2008


Di ritorno da una due giorni e mezzo all'insegna di vino e corse in quel di Verona (stupenda, istruttiva e interessante immersione nel mondo dei vignaioli, quelli veri...) trovo un commentino al mio ultimo post, che stagionava da tempo immemore(il post, non il commento!). Il commento lasciatomi da Angie mi annunciava della vittoria di un premio. Il solo fatto di vincere qualcosa ti desta in genere molto entusiasmo, poi un libro ancor di più, ma la cosa che ti regala veramente una bella emozione è la motivazione per cui questo premio ti arriva. Dopo qualche giorno anche Jajo mi manda lo stesso premio e lo accompagna ad un'altra bellissima ed emozionante motivazione. Insomma che dire...io ringrazio Angie e Jajo di cuore perchè sono due personcine stupende che la blogosfera mi ha permesso di conoscere e poi perchè questo premio e le loro parole arrivano giusto giusto in un momento in cui avevo più bisogno di sentirmele dire.
Adesso mando io il premio a due personcine della blogosfera...Una è ciboulette neofita, ma non più tanto, della blogosfera, nonchè fresca sposina di un mio storico vicino di casa che me l'ha tenuta nascosta per dicianove anni e quando l'ho conosciuta/scoperta lo volevo quasi quasi picchiare per non avermela fatta conoscere prima. Insomma una bella persona in tutto e per tutto che tra l'altro ho conosciuto in un momento spiacevole della mia vita e che ha saputo regalarmi con la sua dolcezza e con quella del suo maritino dei piccoli sprazzi di serenità.
L'altro premio va al viandante bevitore, che anche se non se lo merita per il suo carattere restio ad entrare in certi meccanismi della blogosfera se lo merita invece tutto per la capacità, la pazienza e la dedizione che ha e che ha avuto di farmi conoscere, in maniera accelerata, grazie alla sua passione, i suoi scritti e la sua interminabile curiosità, delle chicche che da sola non avrei mai potuto scoprire in così breve tempo...
Grazie a tutti e due i miei premiati, grazie a Jajo e Angie ai quali vanno virtualemente questo e altri diecimila premi!!!

Premessa:
Anche questo Blog occupandosi di Libri vuole avere il proprio Premio "BlogLetterario" dal Titolo "DiLibroinLibro".
Un modo semplice per premiare tutte quelle persone che hanno qualcosa da dire smettendo quindi di essere spettatori passivi.DiLibroinLibro- ma anche DiPensieroinPensiero- o di idea in idea-per chi ama condividere pensieri,esperienze,passioni,Speranze..Insomma un Blog...

REGOLAMENTO:
Questo premio non vuol'essere un famelico scambio link. E' per questo motivo che ogni BlogAutore che lo riceverà potrà a sua volta premiarne soltanto altri 2..DUE..Blog..Dovrete semplicemente dare una motivazione al premiato. Sono esclusi tutti quei blog che si occupino di pedofilia-razzisti-offensivi-e altra spazzatura varia... Il premio verrà ritirato su questa pagina (non vi sono vincoli sul posizionamento lo potrete inserire dove vi è più consono )Quando si sarà accettato il Premio ed esposto sul proprio Blog si prega di segnalarcelo tramite commenti
indicando il link di chi vi ha premiato e naturalmente il vostro appena premiato..(solo questa pagina farà fede per i Blog Premiati).
Dopodiché a vostra volta potrete premiare i vostri 2 Blog lasciando al ricevente una motivazione-pregandolo di inserirvi anche il regolamento.
6e3dd6f97015a31aff60c0123b276b09.jpg
 
   





© 2006 Viola Melanzana | Blogger Templates by Gecko & Fly.
No part of the content or the blog may be reproduced without prior written permission.
Learn how to Make Money Online at GeckoandFly